Come essere produttivi: una guida per il Freelancer

  17 Gennaio 2019

Come freelancer, qual è il modo più semplice per guadagnare di più? Intraprendere più progetti e finirli con successo!

Adesso come adesso, potresti non avere la capacità di gestire tutto quanto, ma puoi sempre “allenarti” per costruirla. La produttività è la chiave. Devi essere più produttivo in ogni aspetto e non solo nell’aera di lavoro. Perciò devi essere strategico, intraprendente e adatto sia mentalmente che fisicamente.

Abbiamo elencato Sei semplici trucchi per aiutarti ad iniziare il percorso verso la produttività

Come essere produttivo come Freelancer

1. Crea delle ‘to-do-list’ sia a livello macro che micro

Creare delle liste delle cose da fare su base giornaliera è ottimo, ma come fai a controllare se stai facendo progressi riguardo i tuoi obiettivi a lungo termine?

Questo è perché hai bisogno sia dei macro che dei micro. Micro per gestire i tuoi compiti del giorno o della settimana e macro per monitorare il tuo progresso generale.

Questa divisione ti aiuta a dividere in più parti i tasks più grandi, differenziarli tra urgenti e non urgenti, e tenere traccia dei progressi a breve e lungo termine.

Puoi fare così:

  • Definisci cos’è ‘macro’ e cos’è ‘micro’ per te. Imposta delle linee guida per categorizzare i compiti. Possono essere basate su il tempo necessario, l’obiettivo finale, e così via. Per esempio, finire un corso online potrebbe essere un macro task, mentre scrivere un post di un blog per un tuo cliente un micro.
  • Dividi qualche macro task in parti più piccole e gestibili, poi uniscili alla lista dei micro. Così renderai la lista dei macro meno sovraccarica.
  • Tieni d’occhio da vicino le liste e monitora i tuoi progressi regolarmente. Continua a sistemare i compiti in base al livello di priorità.
 

2. Smetti di fare il multi-tasking e comincia a fare batch tasking

 

Sapevi che il multi-tasking può ridurre la tua produttività del 40%? È scientificamente provato che il multi-tasking rompe il flusso del tuo lavoro e dei tuoi pensieri. Quindi, qual è l’alternativa?

Prova il batch tasking. È il processo di raggruppare compiti simili tra loro e completarli in un colpo solo. Non dovrai interrompere di niente di netto, perché tutti i compiti richiederanno delle abilità, dei processi di pensiero e livelli di concentrazione simili.

Ecco un esempio:

3. Gli strumenti per la produttività sono tuoi alleati, usali!

Come freelancer, devi indossare diversi cappelli – da risolvere i problemi burocratici a promuovere te stesso. Gestire tutto questo potrebbe essere… travolgente.

Qui di seguito ti consiglio qualche strumento che come è servito a noi, potrebbe fare anche al caso tuo:

Hootsuite – Un tool per programmare i tuoi post sui social media, curare il contenuto e creare report analitici.

MailChimp – Un email marketing tool molto semplice da usare che ti aiuta a creare liste di email, settare campagne e ottimizzare il tutto.

Canva – Un’applicazione online che ti permette di creare locandine, ads e contenuto grafico professionale.

Evernote – Un’applicazione per le note e le ricerche.

Google Calendar – Il nome dice tutto, un calendario online che ti permette anche di condividere con i collaboratori.

Iubenda – La soluzione online che ti aiuta a creare documenti come le privacy policy e i terms & conditions

Clickfunnels – La piattaforma top per la creazione di landing pages.

4. I crolli fanno parte del gioco, devi solo trovare un modo per superarli

Non importa quanto tu possa essere motivato e quanto ti piaccia il tuo lavoro, prima o poi cadrai nella trappola della monotonia e del procrastinamento. È normale.

I freelancers tendono a spingere più forte in queste situazioni. Loro credono di non potersi permettere un blocco. Comunque, questo rende solamente il problema peggiore.

Causa 1: sei da solo.

Siccome la maggior parte dei freelancers lavora da solo, c’è sempre la possibilità di sentirti socialmente isolato. Non hai nessuno con cui condividere le tue idee, avere conversazioni o chiedere consigli. In parole povere, ti manca un sistema di supporto.

Soulzioni:

✅ Entra a far parte di community online od offline e forum con persone che la pensano come te.
✅ Lavora da un co-working.
✅ Scegli un hobby che ti appassiona, uno che possa creare delle opportunità di incontrare nuove persone.
✅ Diminuisci o azzera l’uso di alcool e caffeina; possono portare ad ansia e attacchi di panico.
✅ Mettiti in contatto con amici e familiari di cui ti fidi.

 

Causa 2: ti senti indietro con il lavoro.

Spesso ti senti bloccato su un progetto. Ti sembra di non riuscire a completarlo, non c’è modo. Ti senti spaventato dal fatto che potresti mancare la deadline.

Soluzioni:

✅ Dividi i compiti in unità più piccole e imposta una scadenza per ognuna di esse.
 Elimina i compiti non urgenti dalla tua to-do list.
✅ Delega i compiti meno importanti.
✅ Finisci qualche altro lavoro che hai cominciato ma non hai portato a termine.
✅ Non cominciare altri progetti.

 

Causa 3: Ti manca ispirazione creativa.

Questo è quello che viene chiamato il blocco creativo. È una condizione in cui non sei capace di accedere alla tua creatività interna. Può essere dovuto alla stanchezza, a dei problemi personali, alla mancanza di fiducia, al perfezionismo e potrei continuare, ma hai capito il punto.

Soluzioni:

✅ Lascia che la tua mente vaghi, non cercare di limitarla.
 Scrivi il perché non sei in grado di lavorare.
✅ Scrivi ogni idea che ti viene in mente, ma non giudicarle.
✅ Pensa al problema da diverse prospettive.
✅ Non autoflagellarti per il blocco, invece, parla a te stesso, ditti che stai aspettando delle idee migliori.

 

5. Crea uno spazio personale

Lo stato dell’”essere nel flusso” è una condizione nella quale sei al livello ottimale di produttività. Per raggiungerla hai bisogno di un contesto che favorisca una concentrazione intensa e mirata. In poche parole, hai bisogno di uno spazio di lavoro senza distrazioni che migliori il tuo focus e la tua concentrazione.

Può essere una camera in casa tua, una scrivania in un co-working, quello che vuoi, ma assicurati che sia in ordine ed organizzato, ergonomico, che offra privacy e stimoli la creatività.

Qui di seguito ti elenco qualche consiglio che ti può aiutare a trovare il tuo spazio di lavoro perfetto:

  • Metti un DND (Do Not Disturb) sulla tua porta.
  • Organizza il tuo spazio di lavoro con documenti, folders e post-it.
  • Tieni una lista che ti dica esattamente dove trovare cosa.
  • Assicurati che ci sia abbastanza ventilazione e una temperatura ottimale.
  • Fai entrare luce naturale dentro la stanza. Se non puoi, mantieni una temperatura del colore tra i 5000k e 7000k. Cerca di ottenere luci al LED invece di quelle fluorescenti.
  • Ricerche dimostrano che avere una pianta indoor come il Filodendro o la Dracaena aiutano nella produttività.
  • Se hai spazio, non limitarti ad avere una sola scrivania. Assegna ad ogni postazione qualcosa di specifico, come leggere, chiamare qualcuno, scrivere e così via.
  • Le fragranze possono aiutare a rinvigorire lo spazio di lavoro. Il Rosmarino, per esempio, può aiutare al miglioramento della memoria e del pensiero. Mentre la Menta aiuta a ravvivare e a motivare.
Mettiamo in chiaro le cose, lavorare 24/7 non ti renderà produttivo. Prima o poi arriverai al burnout. Invece, cerca di mantenere un equilibrio, così che tu possa riposare, staccare e rinfrescarti. Come farlo? Prendendoti delle pause sensate.

Qui qualche tips da tenere a mente per aiutarti ad ottenere di più dalle tue pause:

  • Usa uno strumento come Marinara per essere sicure di prendere pause al momento giusto.
  • Non stare seduto nello stesso posto, cammina piuttosto. Fai un po’ di stretching, bevi dell’acqua e mangia uno snack sano come cioccolata fondente, frutta secca, frutta e così via.
  • Spedi qualche minuto della tua pausa per meditare. Puoi usare delle applicazioni come HeadSpace, Calm o Mindfulness App. Ma puoi anche provare dei power naps.
  • Ascolta della musica, il tuo podcast preferito, leggi un libro, lavati il viso con l’acqua fretta, chiama un amico o scarabocchia qualcosa.
  • Cose che non devi fare durante una pausa: controllare le email o i social media o leggere le notizie.
  Le Golden Rules della produttività
  1. Delinea un limite chiaro tra le ore personali e le ore lavorative.
  2. Disattiva i social media e le notifiche delle email, a meno che non sia necessario.
  3. Potresti dover usare Facebook o LinkedIn per per propositi di marketing, in questo caso pianifica cosa farai e assegna un lasso di tempo specifico. Lo stesso per le email.
  4. Automatizza o delega i compiti meno importanti.
  5. Stabilisci sempre una routine personale, non copiare quella di qualcun altro.
  6. Crea un programma intorno alle tue ore di produttività massima.
  7. Quando ti senti distratto, chiedi a te stesso il perché e annotalo.
  8. Sii sempre chiaro sulle aspettative del cliente.
  9. Pianifica ogni giorno di lavoro la sera precedente.
  10. Assicurati di dormire almeno 7-8 ore ogni notte.

Conclusioni

Quando stai gestendo diversi progetti, la domanda “come essere produttivo” spesso viene sottovalutata. La tua totale concentrazione si adopera al completamento del progetto. Tuttavia, questo ti comprometterà a lungo termine. Implementare questi trucchetti per la produttività non è ingegneria aerospaziale. Devi solamente uscire dalla tua zona di comfort e sperimentare con i modi in cui lavori. Dopodiché, è solo questione di valutazione ed ottimizzazione.

Lascia un commento