L'avvento del Digital - Com'è cambiato il mondo del lavoro

  19 Aprile 2019

Negli ultimi anni il mondo del lavoro è notevolmente cambiato. Non sto parlando solo in termini di stipendi, tipologia di contratto e mancanza del lavoro in generale, ma parlo soprattutto dell’avvento di Internet.

Internet ha cambiato totalmente il modo di approcciarsi e interagire con il mondo del lavoro. La tecnologia ci ha proiettati in un futuro che 30 anni fa non si poteva nemmeno immaginare. Ormai il computer è presente in ogni tipo di mestiere, senza di esso è spesso impossibile svolgere il nostro impiego.

Con l’aumento della disoccupazione, la diminuzione degli stipendi e il potere d’acquisto che negli ultimi anni è diminuito di circa il 7%, si sente il bisogno di trovare nuove vie, nuovi modi per lavorare e vivere.

Il Web ci offre tutte le possibilità di cui necessitiamo. Ha creato un numero impressionante di nuove opportunità lavorative alla portata di tutti, o perlomeno di chiunque abbia un PC e abbia la voglia di utilizzarlo per mettersi in gioco.

Sono nate decine e decine di figure professionali, e spesso molto qualificate, che lavorano attraverso internet. Esperti di Web Marketing, Web Design, Web Writing, Management, Growth Hacking, Brand Positioning e chi più ne ha, più ne metta.

Il mondo del lavoro tradizionale a sua volta, modificandosi, ha spostato la sua attenzione verso le nuove tecnologie digitali e le aziende hanno spesso cambiato il modo di lavorare e di gestire il lavoro. Per questo si è assistito ad un aumento delle richieste di figure professionali nell’ambito del cosiddetto Web 2.0.

 

Perché lavorare online?

Lavorare online al giorno d’oggi offre dei vantaggi non indifferenti, soprattutto quando si parla di lavoro da casa. Sia esso insieme a dei colleghi o da solo come freelancer, il lavoro tramite web ha dei vantaggi quasi indiscutibili:

Prima di tutto la flessibilità: lavorando con un computer hai la possibilità di lavorare secondo i tuoi orari e i tuoi programmi. Puoi personalizzare le tue ore lavorative per incontrare i tuoi doveri familiari per esempio, puoi decidere di farti un pisolino in mezzo alla giornata o puoi decidere di lavorare la notte se sei un tipo notturno.

Hai la possibilità di guadagnare dei soldi facendo qualcosa che ami fare. Questo è infatti uno dei migliori aspetti del lavoro da casa.

Abbatti i costi di trasporto. Lavorare fuori casa comporta inevitabilmente delle spese, soprattutto se abiti a Roma come me e devi percorrere 20 km di traffico puro per arrivare a lavoro ogni mattina. Senza contare tutti quei rischi come multe, graffi alla macchina e piccoli incidenti.

Non hai un capo (se lavori come Freelance, ovviamente). Il lavoro da casa è l’ideale se sei una persona a cui non piace che gli venga detto cosa deve fare. Inoltre, non hai più di che sentirti in colpa se arrivi tardi e non devi chiedere a nessuno un giorno libero.

Il livello di soddisfazione aumenta. E c’è un collegamento diretto tra soddisfazione personale e felicità. Quando fai qualcosa in cui hai successo sei destinato ad essere più felice.

Inoltre, il mondo digitale e dei Social in particolare riporta dei numeri impressionanti. WeAreSocial ci mostra questi dati:

Si capisce subito quanto sia notevole la crescita che ha avuto il mondo del digital e dei Social Media. Ed è anche per questo motivo che lavorare sul web e sui social è davvero una valida opportunità nel periodo storico in cui viviamo. 

Quindi è lecito chiederci…

 

Ma come si crea un lavoro online?

La risposta a questa domanda è abbastanza semplice, a parole. Bisogna fare quello che si farebbe per ogni altro tipo di mestiere: impararlo.

Prima di proseguire oltre, però, è dovuto fare una premessa quasi obbligatoria: sebbene tramite il web si possa davvero guadagnare, e anche molto, in modo onesto, nessuno ti regala niente, ovviamente. Bisogna lavorare e lavorare sodo. Studio e informazione sono alla base, poi impegno dedizione e costanza seguono immediatamente. Le opportunità ci sono, ma bisogna saperle cogliere e sfruttare. Si devono avere le competenze giuste e le abilità necessarie.

Quindi, prima di tutto informarsi. Capire quale sia la soluzione che più fa al caso nostro. Quali sono gli strumenti che già si sanno utilizzare o quali farebbe piacere imparare. In quale professione potremmo davvero fare la differenza. Quale mestiere potrebbe essere quello in cui siamo più portati. E perché no, quale potrebbe portare più guadagno.

Una volta analizzato il mercato, le possibilità, i nostri limiti e le nostre disponibilità economiche, bisogna passare all’atto pratico. Imparare il lavoro che abbiamo scelto.

Come ti ho già accennato poc’anzi le possibilità sono davvero molte, qui sotto ti elenco qualcuno dei mestieri più comuni e allo stesso tempo più richiesti del web:

Digital Marketing Manager: è una figura professionale il cui compito primario è quello di gestire il marketing, appunto, digitale di un’azienda, un’attività o un privato (per marketing digitale si intende il marketing effettuato tramite tutti quegli strumenti che il web offre). Quindi il Digital Marketing Manager si occuperà di: coordinare le attività di marketing online, definirne le strategie e proporre iniziative, definire gli strumenti da utilizzare per attuarle e naturalmente monitorarne l’efficacia in termini di costi/guadagni.

Social Media Manager: è una figura professionale che si occupa di curare l’immagine di aziende, VIP, influencer, istituzioni e profili/pagine in generale sui Social Network. Si occupa principalmente di sviluppare e mettere in pratica una strategia di comunicazione sulle piattaforme social come Facebook, Instagram, Twitter, ecc. Gli obiettivi sono semplici: migliorare la notorietà, aumentare il seguito, migliorare l’immagine e/o aumentare le vendite di prodott/servizi.

Blogger: è semplicemente colui che pubblica articoli e contenuti, spesso di nicchia, all’interno di un Blog. Ma che cos’è un Blog? È in poche parole, una piattaforma, un sito web, come una specie di diario, attraverso il quale pubblicare articoli e contenuti di vario carattere. Per diventare un blogger in grado di guadagnare è necessario acquisire delle conoscenze quali il copywriting, il SEO, l’analytics e l’advertising.

SEO Specialist: è la figura che si occupa di far arrivare del traffico (visitatori) di qualità verso il tuo sito web. Esso è una figura poliedrica che deve avere come principale caratteristica quella di imparare ad evolversi velocemente per stare sempre al passo con i tempi. Dovrà curare la struttura del sito web oculatamente e posizionare in maniere efficace il tuo sito web all’interno dei motori di ricerca utilizzando le parole chiavi in modo strategico.

App Designer/Developer: è colui che idea, progetta e sviluppa un’applicazione per smartphone. Semplice a parole, un po’ meno nella pratica. Per diventare un App Developer bisogna innanzitutto imparare a programmare, quindi utilizzare un codice. Poi avere un’idea vincente e infine un pizzico di fortuna sul mercato delle app. Il modo alternativo per guadagnare con lo sviluppo di applicazioni è quello di crearne per qualcun altro e utilizzare degli App Builders per la questione della programmazione.

Growth Hacking Manager: è la figura professionale che si occupa di utilizzare i canali di marketing, le piattaforme social e il web in generale per fare crescere un business. Dovrà quindi mettere su delle strategie a basso costo ed innovative per migliorare il posizionamento sul web di un’azienda, un’impresa e più in particolare una startup.

Web Designer: è colui che progetta e crea le pagine web. In generale è il responsabile del funzionamento tecnico del sito, della comunicazione che vi è presente, dell’aspetto grafico e del coinvolgimento degli utenti che visitano il sito (user experience). Quindi, in parole povere, è il responsabile della qualità di un sito web e garantisce che il sito sia accattivante dal punto di vista grafico, abbia un buon impatto visivo, sia semplice da navigare, compatibile con le esigenze dei visitatori e soprattutto funzionale.

Naturalmente queste sono solo alcune delle tantissime figure professionali richieste al giorno d’oggi sul web.

La cosa che tutte hanno in comune, però, è la possibilità di lavorare sia come dipendenti, per esempio all’intero di aziende, sia come Freelancer. Infatti, è stato proprio il web che ha dato vita ad una nuova generazione di lavoratori freelance, un vero e proprio esercito di partite iva.

Per concludere, quindi, una volta scelta la strada che vogliamo percorrere è la volta dello studio. Qualsiasi cosa tu voglia cominciare a fare, qualsiasi lavoro tu voglia imparare, hai ASSOLUTAMENTE bisogno di studiare. Devi imparare le basi, prima di tutto, e specializzarti in seconda battuta. Questo perché la figura specializzata paga sempre di più. Per diventare “qualcuno” bisogna differenziarsi.

Questa è la chiave per il successo sul web: la differenziazione

Lascia un commento